La casa esposta

20,0019,00



Per il suo rigore la figura di Giovenale s’è affermata, entro la sua generazione, come la più caratterizzata da una «croce di collimazione» (forse inattuale oggi, quanto sempre indispensabile) fra critica, poetica e poesia.

Disponibile

COD: 8860871026 Categoria:

Description

Prefazione di Antonella AneddaPostfazione di Cecilia Bello MinciacchiIl riparo è figura ossessiva nella poesia di Marco Giovenale. Quarant’anni fa Giorgio Caproni parlava della propria scrittura come della ricerca di «un qualsiasi tetto all’intima dissoluzione non tanto della mia privata persona, ma di tutto un mondo d’istituzioni e miti sopravvissuti ma ormai svuotati e sbugiardati», dopo la bufera di una guerra che aveva lasciato senza tetto, non solo letteralmente, una generazione «quasi interamente coperta […] dai muraglioni ciechi della dittatura». La generazione di Giovenale non ha vissuto dittature né guerre, o lo ha fatto in forme molto diverse; ma non c’è dubbio che a sua volta sia alla ricerca di un tetto. Proprio la forma come riparo (ricovero, claustrazione salvifica nonché soffocante; ma anche riparazione, rammendo a qualcosa che s’è r_x000D_
_x000D_
otto) è stata ai suoi esordî la soluzione cercata e trovata da una poesia, è stato detto, all’insegna «dell’esattezza e dell’essenzialità». Per questo rigore la figura di Giovenale s’è affermata, entro la sua generazione, come la più caratterizzata da una «croce di collimazione» (forse inattuale oggi, quanto sempre indispensabile) fra critica, poetica e poesia.Il passo ulteriore, compiuto con La casa esposta, è decisivo. Il gesto di fisicamente esporre (anche nel senso fotografico del termine) un’origine od occasione non meno che decisiva, di questo immaginario, mediante il “vuoto” di scrittura che è baricentro del libro (baricentro paradossale in quanto appunto cavo), distoglie l’attenzione da quel vuoto e lo riempie, invece, di una materia verbale di qualità sempre translucida eppure mai come ora dolente, ferita inferta nel freddo «al filo o taglio». Calco e sigillo, fregio e sfregio di una spoliazione e derelizione, evidentemente, tutt’altro che occasionali._x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
fuoriformatoCollana di testi italiani contemporanei diretta da Andrea Cortellessa_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_

Dettagli libro

Peso0.3 g
ISBN

8860871026

Numero della collana

10

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

168

Autore

Giovenale, M.