16,8015,96



Il poema Latrine, scritto dal grande poeta osseto di lingua russa Kibirov nell’estate del 1990, alla vigilia del crollo dell’impero, racconta la realtà sovietica da un punto di vista decisamente insolito, nonché la personale vicenda dell’autore.

Disponibile

COD: 8860871123 Categoria:

Description

Con testo a fronteIl poema Latrine, scritto dal grande poeta osseto di lingua russa Kibirov nell’estate del 1990, alla vigilia del crollo dell’impero, racconta la realtà sovietica da un punto di vista decisamente insolito, nonché la personale vicenda dell’autore dall’infanzia alla maturità. Intrecciata a queste due storie è quella della letteratura russa. Un’immagine assai poco gradevole diventa metafora della poesia e pretesto per rievocare in modo assolutamente privato le proprie esperienze, dall’infanzia nella famiglia di un ufficiale sovietico, ai continui trasferimenti, alle prime esperienze sessuali, la scuola, l’università, il servizio militare in Asia Centrale. Il gabinetto è anche il luogo dove trova riparo chi sfugge a una rapina, a un omicidio (come ha detto pubblicamente anche Putin, riferendosi ai terroristi ceceni), o dove si può discutere del senso della vita, insomma una vera e propria metafora dell’esistenza umana._x000D_
Premio LericiPea-Mosca: Premio per la traduzione in lingua russa a Claudia Scandura del poemetto " Latrine" di Timur Kibirov.

Dettagli libro

Peso0.3 g
ISBN

8860871123

Numero della collana

69

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

128

Autore

Kibirov, T.I.