L’Orestea di Gibellina e gli altri testi per il teatro

48,00 40,80



Da cinquant’anni Emilio Isgrò segna in modo indelebile la scena culturale italiana, non solo con le famigerate “Cancellature” e le altre celebrate opere visive, ma con multiformi interventi in altri campi dalle lettere alle arti, alla poesia e narrativa.

Disponibile

NameRangeDiscount
Sonto 15% acquisto online1 - 515 %
COD: 9788860874146 Categoria:

Description

A cura di Martina TreuCon immagini dell’autore e di Arnaldo Pomodoro_x000D_
Da cinquant’anni Emilio Isgrò segna in modo indelebile la scena culturale italiana, non solo con le famigerate “Cancellature” e le altre celebrate opere visive, ma con multiformi interventi in altri campi delle lettere e delle arti, dalla poesia alla narrativa al teatro. Nella location particolarissima delle rovine del paese di Gibellina, distrutto dal sisma del gennaio ’68, in tre successive occasioni dal giugno del 1983 alle due estati successive, Isgrò mise in scena il suo testo più significativo: una riscrittura dell’Orestea di Eschilo in un quanto mai originale impasto linguistico di italiano, siciliano e altri idiomi. Così inaugurando un nuovo straordinario spazio teatrale e segnando una svolta epocale nella storia degli spettacoli classici, non solo in Italia. A distanza d’un quarto di secolo, quello spettacolo resta nella storia per la grande portata simbolica e la rilevanza dei contributi artistici. In questo volume l’autore ha restaurato il testo, accentuando la ricchezza dell’impasto linguistico e la forza dell’ambizioso impianto corale. Oltre all’Orestea il volume raccoglie di Isgrò i contributi critici e i “manifesti” teorici, insieme agli altri testi pensati per la scena._x000D_
_x000D_

Dettagli libro

Peso0.3 g
ISBN

9788860874146

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

632, con illustrazioni in b/n

Autore

Isgrò, E.