Alla corte del Duce

11,50 9,78


L’aristocrazia romana e il fascismo
Una storia dissacrante e divertente dell’incontro fra la rivoluzione fascista e la società aristocratica delle capitale divisa tra la fedeltà “codina” alla vecchia Roma papale e la fedeltà alla monarchia sabauda.

Disponibile

NameRangeDiscount
Sonto 15% acquisto online1 - 515 %
COD: 9788860879004 Categoria:

Description

Una storia dissacrante e divertente dell’incontro fra la rivoluzione fascista, giunta a Roma «confezionata e fabbricata come un panettone milanese», e la società aristocratica delle capitale divisa tra la fedeltà “codina” alla vecchia Roma papale e la fedeltà alla monarchia sabauda. Mentre un giovane diplomatico di carriera si preoccupa di far diventare “sopportabile” l’abbigliamento e il modo di comportarsi in pubblico di Mussolini, il parvenu giunto al potere, la rivoluzione fascista non riesce a intaccare vecchi riti e abitudini come la caccia alla volpe e la passione per i cavalli. Il libro racconta la storia minore, ma non per questo meno vera, del difficile rapporto fra un mondo che guarda al passato e un mondo privo di tradizioni: la corsa alla ricerca dei titoli nobiliari, le dame dell’aristocrazia fra sussulti borghesi e rivendicazioni di ruolo, la funzione dell’ippodromo romano delle Capannelle come luogo di socializzazione fra la “nuova classe” e l’antica aristocrazia. Un libro frizzante, un caleidoscopio di personaggi.

Dettagli libro

Peso0.3 g
ISBN

9788860879004

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

147

Autore

Sarazani, F.