STUDI DI FILOLOGIA ITALIANA

Pubblicati dal 1927 quale “Bullettino della R. Accademia della Crusca" per iniziativa di Michele Barbi e Pio Rajna e diretti successivamente da Bruno Migliorini e Gianfranco Contini (1958-1964), da Gianfranco Contini (1965-1970) e da Domenico De Robertis (1971-2001), nacquero per ‘fiancheggiare’ le collane di testi edite dall’Accademia della Crusca con <>, nella quale trovassero «sede opportuna ricerche
complementari e supplementari, testi spicciolati di minore dimensione ed altro ancora, a cui sono da segnare come unici limiti l’intento e il metodo>> (così Pio Rajna nella prefazione al primo numero della rivista). Fedeli a tali impostazioni, gli Studi di Filologia Italiana continuano a essere la più vivace riserva delle ricerche nel campo della critica testuale rivolta ai testi italiani, di natura letteraria e non solo, nel quadro dell’interesse alle specificità linguistiche. L’arco temporale degli Studi spazia dai primi monumenti dei nostri volgari alle più recenti testimonianze della produzione letteraria contemporanea, accogliendo interventi tanto dei riconosciuti maestri della filologia quanto dei più promettenti neofiti, accomunati in ogni caso dal rigore e dalla sensibilità ai più vari e innovativi aspetti teorici e metodologici della disciplina.

Direzione
Aldo Menichetti
COMITATO DI DIREZIONE E REDAZIONE
Francesco Bausi, Giancarlo Breschi, Claudio Ciocola, Rosario Coluccia, Lino Leonardi, Alessandro Pancheri, Harald Weinrich
REDAZIONE
Anna Bettarini Bruni
COMITATO DI REDAZIONE
Silvia Chessa, Giuseppe Marrani, Daniele Piccini

ABBONAMENTI 2019

Privati

CARTA
110,00/anno
CARTA+WEB
130,00/anno

Istituzioni

CARTA
160,00/anno
CARTA+WEB
180,00/anno