STUDI DI GRAMMATICA ITALIANA

Gli Studi di Grammatica Italiana sono nati nel 1971 per iniziativa di Giovanni Nencioni che li ha poi diretti per trent’anni. La rivista, espressione del Centro di Grammatica Italiana dell’Accademia della Crusca, si caratterizza nel panorama dei periodici “linguistici" italiani per una forte specificità e insieme per una straordinaria apertura teorica e metodologica. Nella storia secolare della Crusca l’interesse lessico grafico e quello filologico sono stati di gran lunga prevalenti. 

Solodagli anni Settanta in poi, e si può dire proprio con gli Studi di Grammatica Italiana, si è manifestata all’interno dell’Accademia l’esigenza di studiare più a fondo non solo le parole e i testi, ma anche le strutture costitutive della nostra
lingua, in particolare quelle morfologiche e sintattiche. Gli Studi di Grammatica Italiana hanno raccolto in oltre trent’anni di vita importanti ricerche grammaticali molto diverse le une dalle altre, provenienti da studiosi italiani e stranieri di varia
formazione e orientamento. Dagli studi su specifici fenomeni a quelli su particolari fig~re di grammatici o testi grammaticali, dagli studi sul parlato a quelli su varietà diverse dallo standard dagli studi semantici a quelli pragmatici e testuali, la rivista si è dimostrata negli anni straordinariamente sensibile alle nuove prospettive di ricerca che si sono via via affermate e continua perciò a rappresentare un punto di riferimento indispensabile per chiunque voglia conoscere meglio la grammatica italiana di oggi e di ieri.

Direzione
Teresa Poggi Salani
COMITATO DI DIREZIONE E REDAZIONE
Luciano Agostiniani, Nicoletta Maraschio, Lorenzo Renzi, Francesco Sabatini, Gunver Skytte, Harro Starnmerjohann, Marco Biffi (redazione)

ABBONAMENTI 2019

Privati

CARTA
110,00/anno
CARTA+WEB
130,00/anno

Istituzioni

CARTA
160,00/anno
CARTA+WEB
180,00/anno