Il ritorno all’origine

8,508,08


Sottotitolo:
Il libretto contiene due testi poco noti di quello che è universalmente riconosciuto come il “maestro” per eccellenza della mistica cristiana, ossia il domenicano tedesco Eckhart, contemporaneo di Dante.

Esaurito

COD: 8860870321 Categoria:

Description

Il libretto contiene due testi poco noti di quello che è universalmente riconosciuto come il “maestro” per eccellenza della mistica cristiana, ossia il domenicano tedesco Eckhart, contemporaneo di Dante, che, per l’ardire delle sue affermazioni, subì anche una censura ecclesiastica. In essi si sostiene infatti, con una radicalità che non ha paragoni in occidente, e che può trovare qualche somiglianza solo nell’oriente buddista, quella via del distacco che conduce appunto al “ritorno all’origine”, ossia all’esistenza in Dio prima della creazione.Il distacco è innanzitutto quello ascetico comune alla tradizione spirituale, ovvero distacco dai consueti legami con le cose, ma è poi, soprattutto, distacco da se stessi, ossia da quel desiderio di autoaffermatività quasi insopprimibile che si esprime in particolare nella pretesa di compiere “opere buone” – una pretesa che Eckhart contesta decisamente. Infine – e questo è l’elemento più sconcertante – il distacco è distacco anche da Dio, che rappresenta l’oggetto su cui più di ogni altro si addensa la nostra stessa affermatività.Perdere, dunque, l’anima e Dio, per trovare se stessi e Dio: questo il paradossale invito che il maestro medievale rivolge anche ai contemporanei, i quali – a cominciare da Heidegger – ne sono stati profondamente colpiti.

Dettagli libro

Peso 0.3 g
Numero della collana

7

ISBN

8860870321

Autori

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

72

Autore

Eckhart

Recensioni

Nessuna recensione disponibile