Spinoza e i filosofi

16,5015,68



Spinoza sembra costituire al tempo stesso un “classico” e una sfida per tutte le epoche successive.

Disponibile

COD: 9788860874931 Categoria:

Description

Spinoza sembra costituire al tempo stesso un “classico” e una sfida per tutte le epoche successive. È questa duplicità tra classicità e sfida presente nella relazione della modernità con Spinoza che rende interessante e utile il percorso che propone Aniello Montano in questo libro: vale a dire, l’approfondimento del rapporto tra Hobbes e Spinoza e l’analisi di alcune letture moderne dell’autore dell’Ethica. Nel caso del panorama culturale napoletano tra Seicento e Settecento, Montano offre uno spaccato del “fascino insidioso” esercitato da Spinoza su autori importanti, tra i quali Paolo Mattia Doria e Francesco Maria Spinelli, Giambattista Vico e Antonio Genovesi. Nell’Ottocento Hegel, con il modulo dell’"anticipazione”, tenterà di inglobare lo spinozismo nella dialettica dello Spirito e di considerarlo “superato”, sia pure con grandi riconoscimenti. Jean-Paul Sartre e Giuseppe Rensi, nella lettura di Montano, sembrano reagire all’interpretazione idealistica. Sartre coglie di Spinoza l’istanza realistica e la assorbe. Lo interpreta ponendolo in contrasto con Cartesio: coscienza aperta all’essere contro coscienza chiusa in se stessa. Rensi, da parte sua, ne offre un’immagine del tutto nuova. Per lui Spinoza è un pensatore realista, scettico e fortemente aprovvidenzialista._x000D_
_x000D_

Dettagli libro

Peso 0.3 g
ISBN

9788860874931

Numero della collana

111

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

170

Autore

Montano, A.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile