Le strade che portano al Fùcino

Con il Cd “strade: soundscapes” di Maurizio Martusciello e Tommaso Ottonieri

24,0022,80


Con il Cd “strade: soundscapes” di Maurizio Martusciello e Tommaso Ottonieri
Ogni narrazione è un territorio. L’immaginazione dell’autore ne esplora la latitudine, la sua lingua ne sviscera la profondità. Quel territorio non lo “descrive” – lo inventa.

Disponibile

COD: 886087081X Categoria:

Description

Prefazione di E. GhezziGuida alla lettura di G. PolicastroCon il cd Strade: soundscapes di M. Martusciello e T. Ottonieri_x000D_
Ogni narrazione è un territorio. L’immaginazione dell’autore ne esplora la latitudine, la sua lingua ne sviscera la profondità. Quel territorio non lo “descrive” – lo inventa. Disegna uno spazio virtuale, ombra e specchio di quello reale: che la “realtà” strania e, insieme, misteriosamente convalida. Così è il Fùcino di Tommaso Ottonieri. Terra piatta, orizzontale, geometricamente sezionata da uno sguardo che plana dall’alto, aereo o forse celeste; ma che – incastonata com’è fra ruvidi spalti appenninici – cela in sé smisurate profondità, invasi vertiginosi, immani universi ctonî percorsi da Creature Che Sospirano Nel Buio. Al centro della piana si staglia Telespazio: Grande Schermo che capta risonanze dalle profondità stellari proiettando una pellicola di visioni deliranti su una coscienza frantumata, alla guida di un’auto metafisica. Lungo labirinti che paiono usciti da un film di David Lynch: alla ricerca di un’Origine irriconoscibile – e sin troppo vera.Le Strade Che Portano Al Fùcino (colla bonus track della “dantesca” apocalissi Ulysses 9.11, realizzata insieme al compositore elettronico Maurizio Martusciello) è una raggiera di prose narrative concentriche, insieme centrifughe e centripete: lacerti strappati dall’autore nel corso di ormai due decenni, per forza di scrittura, al più magmatico e oscuro dei nuclei immaginativi. Uno scrittore «angelico e infero» che viene «dalla sesta luna di Saturno»: così, profetico, Giorgio Manganelli ne aveva salutato l’esordio.Poeta che s’è scelto la prosa come “plastica” infinitamente duttile, sin dall’inizio Ottonieri è stato visitato dalla tentazione della narrativa. Sirena sempre tentante e sempre sfuggente, per un onnipotenziale linguistico come lui. Il cantiere di questo libro è stato aperto per decenni (come ricostruisce Gilda Policastro in un dettagliato baedeker per il lettore). Il perché si capisce ora: l’opera è la più complessa e stratificata dell’autore, la sua più ambiziosa e, infine, cocentemente rivelatoria. Il suo cuore messo a nudo._x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
fuoriformatoCollana di testi italiani contemporanei diretta da Andrea Cortellessa

Dettagli libro

Peso 0.3 g
ISBN

886087081X

Numero della collana

9

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

272

Autore

Ottonieri, T.