Incontri

Colloqui con artisti del Novecento

18,5017,58


Colloqui con artisti del Novecento
Sempre più abbiamo la percezione del cambiamento nella contemporaneità: la scomparsa simbolica delle parole, il flusso in temporale delle immagini, della comunicazione mediatica.

Disponibile

COD: 9788860876201 Categoria:

Description

Sempre più abbiamo la percezione del cambiamento nella contemporaneità: la scomparsa simbolica delle parole, il flusso in temporale delle immagini, della comunicazione mediatica. Questo libro di Jania Sarno (in 16 testi di incontri nel Novecento) ridiventa un cammino, un viaggio: nella temporalità, nella trama del vissuto, nell’orizzonte delle intermittenze, nei luoghi e nell’altrove.Con lascito di cultura, di conoscenza di varie lingue, anche per condizione di famiglia, è connaturata a Jania Sarno un’espressione in una molteplicità di strati, di toni, di registri: musica, poesia, arte; lo spazio della scrittura e l’inconscio della voce. Si sussegue nel libro un’esplorazione dei personaggi umani e artistici (Treccani, Tàpies, Enzo Cucchi, Guccione, Ruggero Savinio per un’immediata e difficile esemplificazione). Un’incursione nell’architettura (Oscar Niemeyer a Rio de Janeiro, Mario Botta in Svizzera): architettura come «metafora del mondo», come presenza del tempo. Infine il ritorno in Val Bregaglia nel Canton grigioni: la valle di origine di Giacometti e degli ultimi anni di Varlin. Una valle nel disguido, quasi in un anacoluto dei linguaggi, dove ritrovare la frase senza fine. Giacometti nel primordio, nella sublimità della figura che cammina. Varlin nella casa di Bondo, nella conversazione con la figlia Patrizia Guggenheim, nella visione dei quadri, nella «dolente immensità della vita».

Dettagli libro

Peso 0.3 g
ISBN

9788860876201

Numero della collana

3

Categoria

Collana

Anno Pubblicazione

Pagine

222

Autore

Sarno, J.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile