Berardino Palumbo

Politiche dell'inquietudine

Passioni, feste e poteri in Sicilia

Collana: Saggi, 78
2009, 486 (ristampa 2011) pp.
Temi: Storia
ISBN: 9788860872807

Edizione cartacea

  • Brossura € 32,00  € 30,40

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Questo libro riflette, da una prospettiva antropologica ed etnografica, sulla pertinenza di categorie come “politica”, “religione”, “società civile”, “spazio pubblico”, “secolarizzazione” e “modernità” quando si affronta lo studio della vita sociale e politica in un’area della Sicilia. Esso sostiene la tesi che un’immaginazione sociologica e storiografica fondata su una troppo netta demarcazione tra tali sfere si mostri sostanzialmente incapace di comprendere dimensioni essenziali della vita di donne e uomini dell’area. Tutta una serie di pratiche legate alle dimensioni collettive della vita sociale e classificate, nei regimi discorsivi della modernità, in categorie nettamente distinte appaiono in realtà accomunate dall’essere inscritte in un’economia morale del sé e dell’agency particolari, stratificate, espressioni di processi storici di lunga durata. Economie morali e dell’azione che il volume indaga con attenzione e che invitano a riflettere sulle particolari declinazioni che la modernità siciliana assume rispetto ai modelli ideali e normativi della contemporaneità euro-occidentale.

Autore

Berardino Palumbo (1961) è professore ordinario di Antropologia Sociale nell'Università di Messina. Negli ultimi anni si è occupato dei rapporti tra campo intellettuale, campo politico, istituzioni, religione e memoria in Italia. Tra le sue pubblicazioni, oltre a numerosi saggi su riviste nazionali e internazionali, Madre-Madrina. Rituale, parentela e identità in un paese del Sannio (1991), Identità nel tempo. Saggi di antropologia della parentela (Argo, Lecce, 1997), L'Unesco e il campanile. Antropologia, politica e beni culturali in Sicilia (2003 e 2006).