Guarire le parole

L'ebraismo europeo tra filosofia e letteratura

Collana: Saggi, 96
2010, 254 pp.
Temi: Letteratura - studi e testi
ISBN: 9788860873613

Edizione cartacea

  • Brossura € 22,00  € 20,90

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello

{gettycms [href gallery/1] [style none] [uuid gallery_book_2629bf1ca58230c5730320433de8f478]}

Sinossi
  • Alcune immagini del libro Alcune immagini del libro Alcune immagini del libro

A cura di Paola Ricci Sindoni
Il cuore tematico del convegno, di cui appaiono ora gli Atti, rappresenta in primo luogo un omaggio ad una stagione feconda della cultura del Novecento, che ha visto massiccia la presenza di ebrei nel campo della letteratura, dell’arte, della filosofia, della scienza. Questo libro intende rispondere all’esigenza etica del pensiero ebraico novecentesco, volto a ridare il giusto spessore di senso alle tante parole oscure e frammentate del nostro tempo, guarendole dalla loro dispersività, ma anche indicando l’ordito pro-vocante del volto di colui che legge e che chiama a responsabilità lo scrittore, impegnato ad esprimere la verità delle molte parole, la profondità del loro dire, l’ampiezza della loro espressione, l’altezza della loro destinazione. Studiosi delle università di Messina, Catania e Roma hanno in tal modo approfondito questi affascinanti nodi teorici, ripercorrendo alcune avventure intellettuali attraverso la scrittura di Kafka, ad esempio, o quella di Saba, Debenedetti, Jabès, Bassani, Uhlman, Grosmann e molti altri, al fine di rivelare l’ordito nascosto delle parole scritte, in parte segnate dalla ferita profonda di Auschwitz, ma anche dalle potenzialità messianiche, che continuano a fecondare tratti luminosi della nostra storia.