Walter Pedullà

L'estrema funzione

La letteratura degli anni settanta svela i propri segreti

Collana: Fuori Formato, 28
2010, 356 pp.
Temi: Letteratura - studi e testi
ISBN: 9788860873880

Edizione cartacea

  • Brossura € 35,00  € 33,25

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Prefazione di Franco CordelliConversazione di Andrea Cortellessa con l'autoreFra i grandi critici della sua generazione Pedullà è stato il più agitato e insieme il più disincantato critico. Davvero uno «Sciamano che ride», come nel primo capitolo di questo libro: e che nel riso ha per tempo trovato la chiave d’accesso allo scrigno che racchiude il tesoro del godimento letterario. Se gli anni Cinquanta erano stati quelli della formazione e i Sessanta quelli di un insonne apprendistato alla scrittura, sono senz’altro gli anni Settanta quelli aurei, sciamanicamente sulfurei, di Pedullà scrittore-critico. E nel ’75 L’estrema funzione già dalla struttura tipografica «a due piani» alludeva alla dialettica tra «centro» e «periferia» concettualmente così cara all’autore. Una dialettica che non ha mancato di trasmettere, come un virus, ai suoi numerosi discepoli. Quegli anni che oggi si fa a gara nel descrivere come monocromi plumbei, traboccavano in realtà di colori: pop e concettuali, «poveri» e neobarocchi, dandistici e dadaisti. E L’estrema funzione è un loro vertiginoso caleidoscopio. Certo, la violenza dell’estremismo c’era: e decretava che era finito il tempo della letteratura, che essa meritava d’essere messa a morte. Lo sciamano, allora come oggi, rispondeva con un sorriso.A.C.

Autore

Walter Pedullà (Siderno, 10 ottobre 1930) Dopo aver insegnato per quasi cinquant’anni Letteratura moderna e contemporanea, è ora Professore emerito alla «Sapienza» di Roma. Ha pubblicato più di venti libri, fra i quali monografie su Savinio (1975), Gadda (1997), Debenedetti (2004) e Palazzeschi (2007); ha curato o introdotto opere di Ariosto, Svevo, D’Arrigo, Zavattini, Alvaro, Pizzuto, Malerba, Insana. Da dieci anni dirige due riviste che ha fondato nel 2000: «Il Caffè illustrato» e il quadrimestrale «L’Illuminista». Gli ultimi suoi libri sono Quadrare il cerchio (Donzelli 2005), E lasciatemi divertire! (Piero Manni 2006), Giro del mondo in ottanta pagine (Le impronte degli Uccelli 2008), Per esempio il Novecento (Rizzoli 2008) e Il vecchio che avanza (Ponte Sisto 2009)._x000D_