The Sennacherib wall reliefs at Nineveh

Collana: Monografie di Mesopotamia, 15
2011, 152 pg. con ill. in b/n + 349 tavole a colori pp.
Temi: Archeologia - Preistoria
ISBN: 9788860874979

Edizione cartacea

  • Brossura € 180,00  € 90,00

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Edited by / A cura di Carlo LippolisPhotographs by / Fotografie di Angelo RubinoPreface by / Prefazione di Antonio Invernizzi In lingua inglese Alla fine dell’VIII secolo a.C. e nel cuore dell’impero assiro, Sennacherib fonda una splendida residenza decorata da un ciclo di rilievi scultorei di grandissimo interesse.Il programma decorativo generale di questo maestoso edificio è documentato da relativamente poche lastre originali, oltre a quelle che sono state staccate e portate al British Museum nel secolo scorso. Il palazzo è stato scavato da A.H. Layard nel 1847-1851, benché non completamente. Dopo altri limitati interventi all’inizio del XX secolo, gli scavi furono nuovamente interrati, e solo nel 1965-1967 il Servizio delle Antichità dell'Iraq ha riportato alla luce un piccolo settore della reggia, comprendente la sala del trono (sala I), molto lacunosa, e la sala V ad essa adiacente secondo uno schema caratteristico dei palazzi assiri. I rilievi rimasti in situ si trovavano in cattivo stato di conservazione ed erano già ampiamente lacunosi, ma furono restaurati mentre i muri vennero in parte ricostruiti. A seguito della prima Guerra del Golfo il complesso cominciò a subire un grave degrado e dopo l'inizio delle ultime operazioni militari nel marzo 2003 colpi tremendi si sono abbattuti sulla sua integrità.Nell’estate e nell’autunno 2002 si è completata una campagna diagnostica di aggiornamento della situazione conservativa del complesso scultoreo della suite regale del palazzo: i lavori sono stati condotti da specialisti dell’Istituto Centrale per il Restauro del Ministero per i Beni e le Attività Culturali in collaborazione con il Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino per il Medio Oriente e l’Asia.A fianco di studi petrografici e all’analisi delle diverse tipologie di degrado delle lastre decorative si è intrapresa una campagna fotografica e stereo-fotogrammetrica che doveva servire di base ad un intervento sistematico di restauro, poi interrotto dallo scoppio delle ostilità in Iraq. In quella occasione si produsse un’eccezionale documentazione di archivio che doveva servire di base ad un intervento sistematico di restauro. Tale materiale d’archivio, conservato dal Centro Scavi di Torino e ora edito nel presente volume, è quanto mai prezioso perché rappresenta l’unica documentazione sistematica mai realizzata con riprese digitali ad alta definizione dei rilievi della suite regale del palazzo e perché costituisce la registrazione di uno stato di fatto che l’ultimo conflitto ha profondamente alterato e compromesso.