Sinossi

Fecondazione artificiale e maternità surrogata, assistenza sanitaria, vendita e/o donazione di organi, sperimentazione sugli umani, eutanasia, Engelhardt propone, in questo volume, possibili linee di soluzione per i temi caldi della bioetica. Veniamo da un passato in cui ogni istituzione politico-religiosa cercava di imporre un’ortodossia che avesse gli stessi confini del suo potere. Dal fallimento di questa impresa è nato il progetto filosofico moderno di guidare l’umanità a superare la cacofonia di narrazioni morali contrastanti per conseguire l’unità grazie all’opera di persuasione di filosofi e leader religiosi o ideologici. Ma l’impegno di generazioni di pensatori ha dovuto arrendersi all’evidenza di un mondo pluralistico in cui il miraggio dell’unità sfumava nella disperazione del fallimento. Così, secondo Engelhardt, il disegno dell’Occidente ha perso credibilità, fascino e potere motivante. La nostra incapacità di individuare un’unica morale capace di vincolare tutti ci impone di vivere entro formazioni politiche divise al loro interno in comunità che parlano lingue morali differenti.

Autore

Hugo Tristram Engelhardt jr. è bioeticista e filosofo tra i più brillanti sulla scena contemporanea e punto di riferimento obbligato nel dibattito internazionale sulle questioni bioetiche e di politica pubblica. Medico e filosofo, è professore di filosofia presso la Rice University e professore emerito del dipartimento di medicina presso il Baylor College of Medicine, Huston, Texas, oltre che direttore del «Journal of Medicine and Philosophy».