Vincenzo Vitiello

L'"ethos" della topologia

Un itinerario di pensiero

Collana: La Ragione aperta, 3
2013, 146 pp.
Temi: Filosofia
ISBN: 9788860876461

Edizione cartacea

  • Brossura € 17,00  € 16,15

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Questo libro inizia con una favola e con una favola termina. La prima narra della “felicità” di trovarsi in tutti i “luoghi” (tópoi) della storia e del tempo “a casa propria”, come un signore che, nel suo Castello, muovendosi sempre tra “le stesse cose” (tautà aeí), ogni volta incontri quanto ancora in esse resta da vedere. Topologia è questo: una pratica di pensiero che nell’orizzonte del presente – e non del presente eterno, ma del presente che passa – fa esperienza di tempi molteplici, ove Hegel è, insieme, contemporaneo di Agostino e di Schelling, e questi di Plotino e di Hegel, secondo lo strato di tempo che essi di volta in volta abitano. La seconda favola parla della “difficile felicità” di vivere questo tempo stratificato nella consapevolezza che il presente in cui si rivela la molteplicità infinita dei tempi, è solo un attimo, un battito d’occhio, he ripè toû ophtalmoû, in cui tutto come vive, così può scomparire. Il tragitto dalla prima alla seconda “favola” descrive l’ethos della topologia: un modo di abitare il mondo e il tempo senza essere del mondo e del tempo.

Autore

Vincenzo Vitiello, ordinario di Filosofia Teoretica, insegna attualmente Filosofia della storia all’Università “San Raffaele” di Milano. Ha tenuto conferenze e seminari in Università e Istituti di Cultura europei ed extraeuropei. Suoi scritti sono tradotti in tedesco, francese, spagnolo, inglese. È socio corrispondente dell’Asociación de Filosofía Latino-americana y Ciencias sociales de Buenos Aires. Nel 2012 l’Universidad Nacional de General San Martín di Buenos Aires gli ha conferito la laurea in Filosofia honoris causa. Nello stesso anno gli è stato attribuito il Premio Lorenzo Montano, e per l’occasione le Edizioni Anterem di Verona hanno pubblicato una silloge del suo pensiero: Una Filosofia errante. Topologia, Religione, Arte. Ha curato, insieme con Manuela Sanna, il volume: G. Vico, La Scienza Nuova. Le tre edizioni 1725, 1730 e 1744, Milano 2012. Dirige la Rivista «Il Pensiero».