Gianluca Pardini

Erbe & Co.

70 facili ricette per cucinare con le erbe selvatiche e domestiche

Collana: Cibo e dintorni, 1
2015, 135 pp.
Temi: Manuali
ISBN: 9788860879028

Edizione cartacea

  • Brossura € 13,00  € 12,35

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Le erbe in cucina ci conducono in un lungo viaggio tra le stagioni, le tradizioni, le culture enogastronomiche e, in particolare, le conoscenze umane attraverso i secoli.Questa raccolta di ricette, che affondano le loro radici nella tradizione con uno sguardo al gusto odierno, offre una serie di suggerimenti per conoscere, apprezzare e utilizzare le erbe aromatiche in cucina e, grazie alle schede botaniche che corredano il libro, anche negli altri aspetti della vita di tutti i giorni.Dragoncello, menta, basilico, rosmarino, salvia, prezzemolo, finocchietto selvatico, tarassaco, erba stella, dente di leone, crespigno... doneranno ai nostri piatti magia e freschezza.L'autore, Gianluca Pardini, ci apre le porte della sua Scuola di Cucina Internazionale di Lucca (fondata nel 1986) per guidarci fra i profumi e i sapori delle erbe aromatiche, mostrando tutto il suo amore per la cucina e la natura in accordo con l'esperienza e la passione di un grande chef.

Autore

Gianluca Pardini, nato a Pisa l'08/04/1957, diplomato con la maturità di arti applicate e abilitato all'insegnamento di storia dell'arte e disegno, comincia la carriera in cucina all'età di 14 anni presso ristoranti locali.Dal ‘76 al ‘79 chef di partita presso l'hotel Excelsior di Firenze.Dal ‘79 all' 80 chef di cucina nel primo ristorante italiano di Orléans (Francia).Dall’80 alla fine dell' 83 consulente gastronomico per la Bunryu, prestigiosa ditta giapponese di cultura italiana a Tokio. Dall’84 all' 85 direttore del ristorante “Il Barbero” in Piazza del Campo a Siena.Dall’87 al ‘96 Chef e proprietario del ristorante “Mecenate” a Lucca.Dall'86, contemporaneamente alla gestione del ristorante, insegna cucina italiana presso l'accademia Bunryu di Siena, di cui nel ’96 diventa direttore didattico e chef coordinatore. L'accademia si trasferisce nel 2004 a Lucca, per i primi anni a Carignano, poi nell’attuale sede di Vicopelago.L’attività dello Chef, che ha dimestichezza con le lingue inglese francese e giapponese, è costellata di consulenze all'estero: ogni anno si reca in Giappone per dimostrazioni, sessioni di insegnamento presso scuole e accademie di cucina, e si presta per consulenza pratica nei ristoranti della ditta Bunryu di Tokio. Periodicamente intraprende viaggi negli Stati Uniti per partecipare, in qualità di insegnante, a stage e corsi di aggiornamento professionale. In tale ambito è riconosciuto come insegnante onorario del College Du Page di Chicago e membro onorario dell'associazione cuochi della città cosi' come della società degli amici di Escoffier.Nel 2001 è stato insignito del riconoscimento del titolo di “Maestro di Cucina, Executive Chef” dalla Federazione Italiana Cuochi (solo quattro chef hanno questo titolo in Toscana). Nell'ambito della città di Lucca e provincia, sta svolgendo negli ultimi anni un lavoro di sviluppo della cultura gastronomica, collaborando con enti e organizzazioni del luogo, come il Comune di Capannori, Confesercenti, Confcommercio, Slowfood ecc. Nel 2009 ha ricevuto il premio “Francesco Corpora” per la sua lunga esperienza ed attività nel campo della cucina italiana e nello stesso anno gli è stato assegnato il riconoscimento per gli “Stranieri che si sono distinti a Lucca” dall’Associazione dei cittadini del Mondo a Lucca: nonostante non sia uno straniero, ha ricevuto il premio per il suo contributo a promuovere l’arte culinaria italiana nel mondo.Come Chef della cucina italiana e divulgatore nel mondo della sua ricchezza, si può considerare a pieno titolo un ambasciatore concreto della nostra cultura alimentare._x000D_ Fonte "maestridicucina.it"_x000D_