Sinossi

Il fenomeno dei santuari extraurbani nella Grecia d’occidente ha da sempre mosso l’interesse degli studiosi, che vi hanno identificato una realtà significativa per la comprensione delle modalità di occupazione, uso ed appropriazione del territorio da parte dei coloni greci approdati sulle coste dell’Italia Meridionale e della Sicilia a partire dallo scorcio dell’VIII sec. a. C.Il contributo di Rosina Leone si propone il compito di porre ordine nella gran messe di informazioni che scavi e indagini hanno permesso di raccogliere in oltre un secolo di ricerche, per poter tentare la ricostruzione di un quadro di riferimento organico.Il libro si articola in due parti: il testo vero e proprio, che propone una disamina delle varie componenti di una problematica storica per sua natura estremamente complessa, ed il catalogo dei siti, nel quale è possibile ritrovare il preciso riferimento alle caratteristiche specifiche di ogni contesto esaminato, da quelle architettoniche alla natura e quantità dei rinvenimenti mobili. In tal modo i discorsi generali, proposti in un testo volutamente sintetico, trovano riscontro, occasione di approfondimento e di ulteriori spunti, nel catalogo dei siti.Il volume è corredato da una cartografia 1:100.000 in cui si è tentato di proporre una visione d’insieme dei territori delle poleis esaminate con la localizzazione dei luoghi di culto extraurbani ad ognuna di esse relativi.

Autore

Rosina Leone, dottore di ricerca di archeologia, da anni è impegnata nell’attività di ricerca, teorica e sul campo, di problematiche archeologiche relative alla grecità d’occidente. Attualmente sta conducendo uno studio sui vasi plastici configurati d’età ellenistica con fondo di ricerca FNSR per conto dell’Università di Zurigo.