Sinossi

Questa raccolta riunisce le più rappresentative leggende delle Alpi Apuane appartenenti alla tradizione orale che si fondono in una serie di immagini, dove realtà e fantasia si incontrano per dare origine ad un ricco apparato di storie che sono lo specchio di una società non ancora contaminata dalla televisione e dai moderni mezzi di comunicazione. Le leggende affondano le loro radici fino in fondo all'anima del popolo e grazie ad esse è possibile ricostruirne le origini, le vicende, le difficoltà e i costumi. Attraverso questa forma di letteratura popolare orale, possiamo rivisitare ambienti e spaccati di vita del passato: una vita semplice, ma dura e faticosa, condizionata da una natura ostile, dal terreno impervio e poco ospitale che costituiva comunque, grazie alla presenza del marmo, una delle principali forme di sostentamento della gente apuana. Grazie alla voce e la memoria, venivano comunicate le proprie esperienze, la propria interpretazione della realtà, la precisa identità culturale e il mondo dei valori in cui si credeva.

Autore

Paolo Fantozzi è insegnante di lingua e letteratura inglese al Liceo Scientifico “A. Vallisneri” di Lucca e si occupa da anni di letteratura inglese e americana, di didattica della lingua inglese, di folklore, di storia locale e pittura ad acquerello. I suoi volumi più recenti sono: nel 2005 Storie e leggende della Versilia (Le Lettere, Firenze), nel 2007 Storie e leggende lungo il Serchio (Le Lettere, Firenze). Ha inoltre curato l'antologia di racconti di scrittrici inglesi e americane Short Stories by Women Writers (Torino 2007).