Sinossi

In questo pamphlet filosofico Piero Di Giovanni ripropone la lettura dell’idealismo italiano a cento anni dalla sua nascita ufficiale. L’Introduzione, a firma di Croce, posta al primo numero della rivista «La Critica» (avviata il 20 gennaio del 1903), e la Prolusione di Gentile al corso di Filosofia (letta il 28 febbraio del 1903 nell’Ateneo di Napoli), costituiscono un’occasione di riflessione sulla filosofia italiana del Novecento, dalla quale dipendiamo e alla quale siamo strettamente legati in questo inizio di secolo ventunesimo.Il suggerimento di rileggere la storia della filosofia italiana del secolo ventesimo costituisce una consapevole provocazione, in una fase in cui parte del pensiero occidentale stenta a trovare una propria identità culturale. Dopo avere consumato decenni di dibattiti sui maîtres à penser di fine secolo, la dualità “idealismo/anti-idealismo” viene riproposta come chiave di lettura da preferire alla dualità “analitici/continentali”, per una ricostruzione della storia delle idee e della cultura filosofica di tutto il Novecento.

Autore

Piero Di Giovanni insegna Storia della filosofia nell’Università degli Studi di Palermo. Tra le sue pubblicazioni più significative vanno ricordate: Kant ed Hegel in Italia. Alle origini del neoidealismo (20012), Filosofia e psicologia nel positivismo italiano (2003). In questi ultimi anni ha lavorato al recupero della tradizione della filosofia italiana del Novecento, di cui sono testimonianza rilevante i volumi: Le avanguardie della filosofia italiana nel XX secolo (2002) e Giovanni Gentile. La filosofia italiana tra idealismo e anti-idealismo (2003).