Sinossi

"Catenam auream quae a coelo fingitur ad terram usque tensa…". È un passo di Bruno dal quale Spaventa trasse una metafora per alludere alla tradizione filosofica italiana.L'aurea catena divenne presto, tra le mani della storiografia idealistica, un'esangue gallerie di idee: e tuttavia quella scuola aveva sicuramente rinnovato l'approccio alla cultura filosofica italiana rispetto alle correnti dominanti nell'Ottocento, con la definitiva rinuncia ai presupposti premoderni della continuità, di un carattere "nazionale" costante e della tradizione come deposito o ritorno. La storiografia idealistica non fu una variante scaltrita del "primato" e della sua concezione oratoria e mitografica della storia. Alla continuità essa contrappose una vicenda fatta di fratture (il Rinascimento, che tolse dall'ambigua valutazione della storiografia contemporanea, e il ritardo della cultura italiana alle soglie dell'età moderna e dopo la Controriforma), smitizzando l'angusta visione nazionale della filosofia come retaggio di una tradizione atavica. I saggi raccolti in questo volume riguardano alcuni "modelli" di letture idealistiche degli autori principali: Bruno, Telesio, Galileo, Vico. Attraverso percorsi e curvature particolari, l'evoluzione della storiografia idealistica - da Spaventa, a Fiorentino, Tocco e Gentile (con qualche excursus su Labriola) - esce corretta in più punti e sottratta a tenaci stereotipi.

Autore

Alessandro Savorelli (Prato, 1948), ricercatore presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, è storico della filosofia moderna, ma si occupa anche di storia della simbologia e di araldica. Membro della Società svizzera di araldica e dell’Académie internationale d’héraldique, collabora a «Archives héraldiques suisses», «Emblemata» e a «Medioevo». Oltre a numerosi saggi sulla simbologia urbana nel Medioevo, ha pubblicato Piero della Francesca e l’ultima crociata. Araldica, storia e arte tra gotico e Rinascimento (1999) e Pegaso in Toscana. Lo stemma della Regione nella storia dell’araldica pubblica europea (2004), Tutti i colori del calcio (2008), Viola & Co. (2009). È tifoso della Fiorentina.