Sinossi

Con testo a fronte
Questo autunno è alla fine. Come un fuocoricco d'animali e chiaro un fuoco metafisico, un'infinità purificata -ma limitato da ombre. Apriamo le ombre, apriamo i morti. Entriamo nello splendore di vorace febbrenella febbre delle stelle, in un tempo di passionedella profonda vigilanza. Christine Koschel e Cristina Campo possono essere definite proprio poetesse della profonda vigilanza, dell'essenziale e della solidità e tangibilità della forma. Fanno parte di quella schiera di poeti che hanno dato un solido contributo, ognuna per le proprie tradizioni, a tenere alto il valore della parola e della poesia.

Autore

Christine Koschel è nata nel 1936 a Breslavia in Slesia. Nel 1965 lascia la Germania e si stabilisce a Roma, dove vive e opera tuttora. Nel 1968 allaccia uno stretto legame di amicizia e collaborazione con Cristina Campo ed Elémire Zolla. Alcune sue poesie appariranno su “ Conoscenza Religiosa”. Fra le sue raccolte poetiche ricordiamo Den Windschädel tragen (1961), Phahlfuga (1966), Das Ende der Taube (1992), Ein mikroskopisch feiner Riss (2001).