G. Iurlano

Sion in America

Idee, progetti, movimenti per uno Stato ebraico (1654-1917)

Collana: Biblioteca di Nuova Storia Contemporanea, 15
2005, 508 pp.
Temi: Storia
ISBN: 9788871668796

Edizione cartacea

  • Brossura € 35,00  € 33,25

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Sin dal periodo coloniale, l’esperienza dell’ebraismo americano si è connotata in maniera completamente differente rispetto a quella europea: le numerose comunità del Nuovo Mondo hanno condiviso i valori di libertà e di democrazia della nazione americana, impegnandosi attivamente nella difesa dei propri correligionari all’estero e nell’americanizzazione degli ebrei est-europei emigrati in America sul finire del secolo. Lo stesso sionismo, approdando sulle coste americane, si è radicato facilmente su un terreno reso già fertile dalle numerose elaborazioni di progetti per la restaurazione di una patria ebraica e, sotto la leadership di Louis Brandeis, si è efficacemente coniugato con l’americanismo progressista durante gli anni del primo conflitto mondiale. In questo percorso di profonda maturazione e nel contesto di una situazione internazionale ormai definitivamente mutata, il sionismo americano – in sintonia con l’internazionalismo wilsoniano – ha giocato un ruolo fondamentale nel riconoscimento del diritto del popolo ebraico ad avere la propria homeland in Palestina.

Autore

Giuliana Iurlano (Lecce, 1953) è professore aggregato di Relazioni Internazionali presso l’Università del Salento. Studia da molti anni la società americana, in particolare i movimenti radicali e per i diritti civili tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, su cui ha pubblicato una monografia e numerosi saggi. Nel 2004, ha pubblicato, per Le Lettere, Sion in America. Idee, progetti, movimenti per uno Stato ebraico (1654-1917).