Sinossi

Questa biografia, brillante ed anticonformista, è stata al centro di appassionate polemiche in Gran Bretagna perché ha messo in discussione la vulgata anglosassone sul dittatore fascista, secondo la quale Mussolini sarebbe stato soltanto un “grottesco buffone”. Questo stereotipo, elaborato dalla storiografia britannica, non sarebbe in grado, secondo Farrell, di spiegare il fatto che Mussolini sia riuscito a impadronirsi del potere e a tenerlo saldo nelle sue mani per ben vent'anni senza grandi spargimenti di sangue e neppure spiegherebbe come egli abbia potuto essere considerato “un genio” da sir Winston Churchill. La verità, secondo l’autore, è che Mussolini fece cose buone per il suo paese ed ebbe l'appoggio della maggioranza degli italiani almeno fino all’entrata dell’Italia nella seconda guerra mondiale. Le idee guida del fascismo erano, secondo l’autore, “di sinistra” e Mussolini, ex socialista, tale rimase nell'anima fino alla morte, il che spiega perché detestasse la borghesia più di qualsiasi altro ceto sociale. Insomma il Mussolini, quale emerge da questa dettagliata biografia di Farrell che entra in rotta di collisione con il moralismo storiografico anglosassone, è un uomo in camicia nera ma con un’anima rossa, che godette per molto tempo del consenso della maggioranza degli italiani.

Autore

Nicholas Farrell, giornalista e scrittore, ha insegnato alla Cambridge University ed è stato per molti anni nello staff editoriale e una delle firme di punta del «Sunday Telegraph». Nel 1998 si è trasferito in Italia e vive a Predappio, nel paese natale di Mussolini, continuando a svolgere attività giornalistica e occupandosi di ricerche storiche.