Pino Casamassima

Ferrari

Nuova edizione

Collana:
2018, 188 pp.
ISBN: 9788893660334

Edizione cartacea

  • Brossura € 14,00  € 13,30

    Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Trenta e centoventi. Tanti sono gli anni passati da quel 18 febbraio 1898 che lo vide nascere, e da quel 14 agosto 1988 che lo vide morire. Quando Enzo Anselmo Ferrari nacque, le pochissime automobili in circolazione lucidavano i sogni dei ragazzini che le vedevano trotterellare fra polvere e galline. L'autista, impettito, premeva un pomello per sgombrare la via. Con Ferrari, qui si attraversa tutto il '900. Ci sono le imprese, le macchine, i giorni radiosi ma pure quelli tristi: quelli in cui il sole avrebbe fatto bene a restare nascosto. Si parla soprattutto di persone. Uomini, che ruotano attorno a due lenti scure.

Autore

Pino Casamassima è giornalista professionista e autore. La sua carriera inizia nella seconda metà degli anni Settanta con i quotidiani Il Giornale di Brescia e Bresciaoggi. Caporedattore a Cronos, passa quindi a Rombo, dove è anche inviato in F.1, quindi è caposervizio a L'Indipendente, e dopo la sua chiusura scrive per il manifesto; passa quindi a collaborare col QN (Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione), Corriere della Sera, Focus Storia, BBC History. Ha diretto le riviste Cronos, CarF1 Magazine, Coupé&Cabrio. Per la De Ferrari ha diretto la collana Controcanto, Digital Portrait e Novels. Ha collaborato con i network americani CBS e History Channel, con la testata argentina A Todo Motor, la giapponese Auto Techno. È stato consulente e scouting editor di Rcs Libri, ha collaborato con Rai Storia ed è stato tra gli autori de La Storia siamo noi. Ha pubblicato una cinquantina di libri, alcuni dei quali tradotti all'estero, Cina compresa. Ha scritto una ventina di testi teatrali e diretto alcuni teatri. Riconosciuto come uno dei maggiori esperti del terrorismo italiano, ha rifiutato l'audizione della III Commissione parlamentare d'inchiesta sul rapimento e l'uccisione dell'on. Aldo Moro inviando una lettera al presidente Giuseppe Fioroni in cui ha sostenuto l'inutilità della commissione stessa.

Tiene regolarmente lectio in biblioteche e scuole sui diversi argomenti, spesso oggetto dei suoi libri. Con Il libro nero delle Brigate Rosse (Newton Compton) ha vinto il premio Minturno 2008; con Il Sangue dei rossi (Cairo), il premio Luigi Di Rosa 2011 ex aequo con Cuori neri (Sperling&Kupfer) di Luca Telese.