STUDI DI LESSICOGRAFIA ITALIANA

Nati nel 1979, gli «Studi di Lessicografia Italiana» sono la rivista più ‘giovane’ dell’Accademia della Crusca, ultima venuta dopo il bollettino ufficiale, costituito dagli  (dal l927), e dopo i paralleli «Studi di Grammatica Italiana» (dal 1971). Tuttavia l’àmbito disciplinare della rivista è quello più tradizionalmente proprio dell’Accademia, la cui attività è storicamente connessa al celebre Vocabolario: glossari di opere o corpora medievali e rinascimentali, edizione di brevi testi inediti di rilevante interesse lessicale, studi su lessici speciali o tecnici, spogli lessicali di autori moderni, integrazioni a vocabolari e dizionari, notizie di progetti lessicografici in corso, valutazione di neologismi e forestierismi nell’italiano contemporaneo, studi sulla tradizione lessicografica italiana, metodologie informatiche applicate alla lessicografia. Sono questi gli argomenti sui quali la rivista ha centrato l’attenzione, acquisendo una naturalezza specifica nel settore, che la rende uno strumento unico in Italia e nel mondo per
la conoscenza del patrimonio lessicale italiano. Fondata da d’Arco Silvio Avalle, all’epoca direttore dell’Opera del Vocabolario Italiano, la rivista è stata da lui diretta fino al vol. XVII del 2000 (dal vol. XIV del 1997 in collaborazione con Pietro Fiorelli e Luca Serianni). Dal vol. XVIII del 200 l la direzione è passata a Luca Serianni, affiancato da un Comitato di direzione e redazione costituito da Piero Fiorelli, Max Pfister e Lino Leonardi (red.). Dal vol. XIII del 1996la rivista ha ripreso con regolarità la cadenza annuale che aveva mantenuto per i primi nove volumi.

Direzione
Luca Serianni (Roma)
COMITATO DI DIREZIONE E REDAZIONE
Marcello Barbato, Piero Fiorelli, Giovanna Frosini, Par Larson,Wolfang Schweickard
REDATTORE
Federigo Bambi

ABBONAMENTI 2020

Privati

CARTA
110,00/anno
CARTA+WEB
130,00/anno

Istituzioni

CARTA
160,00/anno
CARTA+WEB
180,00/anno